1) Controllo

Il latte crudo viene trasportato, con mezzi testati ATP (Accord Transport Perissable), nel caseificio. Poi viene sottoposto a tutti i controlli igienico-sanitari e al protocollo HACCP dal laboratorio certificata Accredia Natura srl, un’azienda esperta nel campo dell’Igiene Alimentare. Durante tutti i processi vengono utilizzati guanti puliti, igienizzati e specifici per il trattamento di prodotti alimentari e, cappelli e mascherine all'uopo.



Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie

3) Stoccaggio e Cagliata

Il latte viene posto nei serbatoi di stoccaggio a una temperatura non superiore ai 4°C. Poi, il latte viene raccolto nelle vasche di coagulazione dove, dopo aver fatto i test di filatura da esperti casari e una volta raggiunto il giusto ph, gli viene aggiunto il caglio liquido naturale. Questo processo porta alla formazione di un corpo gelatinoso che prende il nome di cagliata. Lentamente la massa gelatinosa si rompe in piccoli pezzettini e la massa solida si separa dalla quella liquida che prende il nome di siero.


3) Stampi e Stufatura

Quando la pasta è pronta viene messa negli stampi e portata nelle celle, a temperatura e umidità controllata, dova ha luogo il processo di stufatura. L’obiettivo di questo processo è quello di far perdere il siero così da far maturare il formaggio in consistenza e acidificare nel modo giusto la pasta. A giusti intervalli il formaggio viene ribaltato e poi rimesso nella cella per continuare il processo di stufatura.


4) Salatura

Dopo una breve permanenza del formaggio nella cella, il formaggio viene tolto dagli stampi e viene immerso in salamoia per il processo di salatura. La salatura preserva la superficie esterna del formaggio dallo sviluppo di muffe, ne accentua il sapore e contribuisce alla formazione della crosta.



5) Stagionatura

Il formaggio viene posto nelle celle di stagionatura a temperatura e umidità costante. In questa fase il formaggio dà vita all'aroma e al gusto per le quali viene elogiato. La durata di questa fase dipende dal tipo di formaggio, e può arrivare fino a un periodo di 2 anni.

Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Lavorazione Caseificio Le Delizie
Il latte crudo viene trasportato, con mezzi testati ATP (Accord Transport Perissable), nel caseificio. Poi viene sottoposto a tutti i controlli igienico-sanitari e al protocollo HACCP dal laboratorio certificata Accredia Natura srl, un’azienda esperta nel campo dell’Igiene Alimentare. Durante tutti i processi vengono utilizzati guanti puliti, igienizzati e specifici per il trattamento di prodotti alimentari e, cappelli e mascherine.

2) Cagliata

Il latte viene raccolto nelle vasche di coagulazione dove, una volta raggiunto il giusto ph, gli viene aggiunto il caglio liquido. Questo processo porta alla formazione di un corpo gelatinoso che prende il nome di cagliata. Lentamente la massa gelatinosa si rompe in piccoli pezzettini e la massa solida si separa dalla quella liquida che prende il nome di siero.

3) Stampi e Stufatura

Quando la pasta è pronta viene messa negli stampi e portata nelle celle, a temperatura e umidità controllata, dova ha luogo il processo di stufatura. L’obiettivo di questo processo è quello di far perdere il siero così da far maturare il formaggio in consistenza e acidificare nel modo giusto la pasta. A giusti intervalli il formaggio viene ribaltato e poi rimesso nella cella per continuare il processo di stufatura.

4) Salatura

Dopo una breve permanenza del formaggio nella cella, il formaggio viene tolto dagli stampi e viene immerso in salamoia per il processo di salatura. La salatura preserva la superficie esterna del formaggio dallo sviluppo di muffe, ne accentua il sapore e contribuisce alla formazione della crosta.